Legge 27 dicembre 2019, n. 160 - Legge di Bilancio per l'anno 2020

Con la Legge di Bilancio 2020 dal 1° gennaio 2020 è stata abrogata la TASI ed è stata istituita la nuova IMU che accorpa in parte la precedente TASI semplificando la gestione dei tributi locali e definendo con più precisione dettagli legati al calcolo dell'imposta.
Nella nuova IMU sono invariati i moltiplicatori per il calcolo della base imponibile dell'imposta.
Resta confermata l'esenzione per le abitazioni principali purché non di lusso (categorie catastali dalla A2 alla A7).
Per quanto riguarda le altre tipologie di immobili, quelli che prima erano esenti IMU (rurali strumentali e beni merce) sono soggetti IMU con le stesse aliquote base TASI ovvero:

  • Fabbricati rurali strumentali (comma 750): aliquota base 1 permille, aliquota massima 1 per mille, oppure ridotta fino all'azzeramento
  • Beni merce (comma 751) e solo fino al 2021: aliquota base 1 permille, aliquota massima 2,5 permille, oppure ridotta fino all'azzeramento.
  • Terreni agricoli (comma 752): aliquota base 7,6 permille, aliquota massima 10,6 permille, oppure ridotta fino all'azzeramento. I terreni incolti sono espressamente citati ed equiparati ai terreni agricoli (comma 746).
  • Immobili ad uso produttivo - gruppo catastale D (comma 753): aliquota base 8,6 permille (7,6 permille è riservata allo stato) aliquota massima 10,6 permille, aliquota minima 7,6 permille.

Sono state in gran parte riconfermate le tipologie di abitazioni assimilabili ad abitazione principale con una eccezione importante che riguarda i pensionati AIRE che adesso non beneficiano più dell'esenzione per l'abitazione posseduta in Italia.
Per quanto riguarda la determinazione dell'imposta il calcolo è mensile (comma 761).
Per nuovi immobili il primo mese si conta se il possesso si è protratto per più della metà dei giorni di cui il mese stesso è composto; in caso di parità di giorni è comunque in capo all'acquirente:

  • mese di 28 giorni: il mese è in capo all'acquirente se il possesso inizia entro il giorno 15 del mese;
  • mese di 29 giorni: il mese è in capo all'acquirente se il possesso inizia entro il giorno 15 del mese;
  • mese di 30 giorni: il mese è in capo all'acquirente se il possesso inizia entro il giorno 16 del mese;
  • mese di 31 giorni: il mese è in capo all'acquirente se il possesso inizia entro il giorno 16 del mese;

Fino al 2019 il versamento era da effettuarsi in 2 rate uguali pari al 50% dell'importo (salvo conguaglio a saldo). Dal 2020 il calcolo è da effettuarsi in base al possesso mensile ovvero per semestre (comma 762) sempre considerando il conguaglio a saldo in caso di possibili variazioni di aliquote da parte del Comune.
Le scadenze sono il 16 Giugno e il 16 Dicembre. Per il 2020 sono martedì 16 Giugno e mercoledì 16 Dicembre.(salvo slittamento se deliberato, la cui data verrà comunicata tempestivamente).
Solo per il 2020 l'acconto dovrà essere uguale al 50% di quanto versato nel 2019 per IMU e TASI sommando le imposte, con indicazione del solo codice IMU 3918.
Solo per il 2020, il termine utimo per la deliberazione delle aliquote IMU anno 2020 è stato fissato al 31 luglio 2020.
In sede di saldo (16 dicembre) si provvederà al conguaglio dell'imposta dovuta per l'anno sulla base delle aliquote deliberate.

E' possibile effettuare il calcolo IMU collegandosi al servizio offerto da ANUTEL

 

 

 

 

 

Con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 08/06/2020 sono state approvate le aliquote e detrazioni IMU anno 2020.

Aliquote

Con delibara di Consiglio Comunale n. 15 del 08/06/2020 è stato approvato il Regolamento per la disciplina dell'Imposta comunale propria (Nuova IMU).

Regolamento